Come diventare un programmatore


luca.terribili avatar
Luca Terribili

Se stai cercando un lavoro, potresti prendere in considerazione la possibilità di candidarti come programmatore. O programmatrice... Non voglio assolutamente passare come sessista, ecco perchè ho scelto l'immagine di una donna per questo articolo. Fatta questa dovuta precisazione, torniamo al topic principale: In questo momento storico, le aziende sono alla ricerca disperata di programmatori in grado di offrire un contributo valido alle loro esigenze in ambito IT. 

È sicuramente una delle professioni più richieste al momento, condizione che permette di ottenere un buon stipendio e altri benefici. Inoltre, le aziende che operano in questo settore, di solito, hanno molto lavoro, quindi c’è sicuramente la prospettiva di continuità (contratto a tempo indeterminato) e un rischio quasi minimo di cassa integrazione.

In qualità di programmatore, sarai responsabile dello sviluppo e della manutenzione delle applicazioni software. Ciò può includere la creazione di nuove applicazioni da zero o la modifica e la manutenzione di applicativi esistenti. Dovrai anche assicurarti che le applicazioni sviluppate siano compatibili con le piattaforme hardware e software del cliente. Inoltre, potrebbe essere richiesto di fornire supporto tecnico agli utenti finali(customer care).

Quanto guadagna un programmatore?

Negli Stati Uniti, lo stipendio di un programmatore può variare dai 50.000 a 200.000 dollari all'anno, con una media di 125.000 dollari. Tuttavia, questa cifra può variare notevolmente a seconda dell'esperienza, delle competenze e della posizione del programmatore.

In India, lo stipendio di un programmatore può variare dalle 100.000 alle 1.000.000 Rupie all'anno. Anche in questo caso, questo numero può variare notevolmente a seconda delle condizioni spiegate nel paragrafo precedenre. Sicuramente ti starai chiedendo cosa c'entra l'India…Beh, c'entra. Siamo nell'era della globalizzazione e gli Indiani sono molto validi nello sviluppo software. Con il tasso di cambio decisamente vantaggioso nei confronti dell'euro, molte aziende europee fanno outsourcing verso l'India.

Ma vediamo di rispondere concretamente alla domanda “Quanto guadagna un programmatore in Italia?”. Eh già, perché le informazioni che troviamo in rete riguardano in particolare il mercato estero.

Secondo il sito di Indeed, lo stipendio medio di un programmatore in Italia è di 39.000 euro all'anno. Ciò è significativamente inferiore al salario medio di un programmatore negli Stati Uniti. Tuttavia bisogna ricordare che il costo della vita in Italia è nettamente inferiore al carovita negli USA. Di conseguenza, un programmatore in Italia può permettersi uno stile di vita relativamente confortevole con lo stipendio che offre il mercato.

È opportuno sottolineare che esistono delle differenze di trattamento economico per quanto riguarda le skills del programmatore, a partire dal linguaggio padroneggiato.

Quanto guadagna un programmatore Java

Non c'è una risposta a questa domanda, in quanto dipende in gran parte dall'esperienza e dalle competenze del programmatore, nonché dalla seniority e dall'azienda. Tuttavia, secondo Indeed.com, lo stipendio medio per un programmatore java in Italia è di 49.000 € all'anno. Questo è un ottimo salario ed è probabile che un programmatore con più esperienza e competenze possa guadagnare anche di più. Ci sono molte offerte di lavoro per programmatore Java in Italia e la domanda è  in continua crescita.

Quanto guadagna un programmatore PHP

In Italia, lo stipendio medio per un programmatore php è di circa 27.000 € all'anno. Come abbiamo visto, si tratta di una cifra decisamente inferiore allo stipendio medio di un programmatore Java. Ci sono una serie di ragioni per questa discrepanza, tra cui sicuramente la grande offerta di programmatori che conoscono questo linguaggio. Php è un linguaggio open source, con una grande quantità di guide pubblicate online. Questi due fattori lo rendono abbastanza accessibile a chi si avvicina al mondo della programmazione.

Tuttavia, nonostante il salario più basso e la grande offerta, la programmazione php è ancora una buona opportunità in Italia, e i programmatori php possono ancora trovare un buon numero di offerte di lavoro, senza dover emigrare all'estero.

Quanto guadagna un programmatore Angular

Un programmatore Angular in Italia può ottenere una RAL fino a 70.000 €all'anno. Decisamente un salario ottimo per l'Italia. Tuttavia, questa cifra è riferita al Nord, dove il costo della vita è molto alto. Questo è il motivo per cui le aziende IT del settentrione offrono RAL molto alte.

Diventare un programmatore a 40 anni

Sono troppo vecchio per diventare un programmatore? Questo è il dubbio di molti over 40 che vorrebbero entrare nel mondo della programmazione, ma sono frenati dalla loro età. In realtà la programmazione è una grande opportunità per chiunque, indipendentemente dall'età. E poi va considerato che parliamo di tecnologia, costantemente in evoluzione. Quindi tutti devono imparare cose nuove: giovani, anziani, junior e senior.  Se sei nuovo alla programmazione e non sei più di primo pelo, non ti preoccupare. 

Imparare a programmare

Non avere paura di provare qualcosa di nuovo. Imparare a programmare è un ottimo modo per espandere i propri orizzonti e aprirsi a nuove opportunità. 

Il passo più importante è iniziare ad apprendere. Per fortuna ci sono un sacco di risorse per aiutarti in questo percorso. Puoi trovare corsi gratuiti online, acquistare un libro o affidarti ad un mentore.

Inoltre non dimentichiamoci dell'università. Ci sono molti corsi di laurea che possono portare ad una carriera nella programmazione. Eccone alcuni tra i più popolari:

  • Informatica: una laurea in informatica è il percorso tradizionale per diventare un programmatore. Questo corso di laurea t'insegnerà le basi della programmazione, così come altri argomenti relativi al computer come l'amministrazione dei sistemi operativi e della rete.
  • Ingegneria del software: una laurea in ingegneria del software è una buona opzione se vuoi concentrarti sulla programmazione, tralasciando gli aspetti più teorici dell'informatica. Questo corso di laurea ti insegnerà come progettare, sviluppare e testare il software.
  • Tecnologia dell'informazione: una laurea in tecnologia dell'informazione è una buona opzione se vuoi diventare un programmatore, ma anche per conoscere altri aspetti della tecnologia dell'informazione, come l'amministrazione e la sicurezza dei sistemi.

Posso essere un programmatore senza una laurea in informatica?

Certamente sì. Io, per esempio, non ho avuto bisogno di una laurea per fare il lavoro che amo. Ho programmato per anni, e non ho mai avuto un'educazione informatica formale. Ho imparato a programmare da solo, da autodidatta. Sono un programmatore perché amo programmare, e non perché ho una laurea in informatica.

Quale linguaggio imparare

Nel mondo del lavoro, ci sono alcuni linguaggi di programmazione che sono più richiesti di altri, in quanto possono essere utilizzati in molte applicazioni diverse. I linguaggi di programmazione più diffusi sono Java, Python e .Net

Per quanto riguarda lo sviluppo frontend, Angular e React sono due framework JavaScript front-end che stanno diventando sempre più popolari. Entrambi i framework sono utilizzati per creare interfacce utente e sono utilizzati da aziende di tutto il mondo. 

AngularJS è un framework creato da Google. Si tratta di un framework JavaScript completo che consente di creare SPA (Single Page Application).

ReactJS è una libreria creata da Facebook. Viene utilizzato per creare interfacce utente ed è molto popolare.

Diventare programmatore da autodidatta

In passato, se volevi imparare a programmare, dovevi acquistare un libro, frequentare un corso o trovare un mentore. Ai giorni nostri, tutto ciò di cui avrai bisogno è una connessione a Internet e la volontà di imparare.

Corsi di programmazione online

Ci sono molti corsi online che puoi frequentare per diventare un programmatore. Codecademy offre una serie di corsi introduttivi che possono insegnare le basi della programmazione. 

Se stai cercando un corso più completo, Udacity offre una serie di corsi in vari linguaggi di programmazione, come Python e Java. 

Io mi trovo molto bene con Udemy. Ho comprato diversi corsi e mi sento di consigliarti come docente, Nicola La Rocca. Puoi cominciare per esempio da questo corso per Impare da zero i linguaggi C#, Java e Python che ho seguito anch’io e lo ritengo un ottimo punto di partenza.

Canali YouTube italiani sulla programmazione

Anche YouTube è una miniera d'informazioni per imparare a programmare. Ci sono molti programmatori che pubblicano i loro tutorial su YouTube.

Una delle cose migliori del seguire questi tutorial è che puoi imparare al tuo ritmo. Puoi mettere in pausa e riprodurre i video tutte le volte che vuoi. Inoltre, è possibile trovare tutorial gratis su tutti i linguaggi di programmazione.

Se stai cercando un punto di partenza, dai un'occhiata a questo elenco dei migliori canali YouTube per imparare a programmare. Questi canali offrono una varietà di tutorial che ti aiuteranno a iniziare il tuo percorso di programmazione.

Marchetti Design

Andrea Marchetti è un ottimo canale per lo sviluppo WordPress e Frontend, con più di 18.000 iscritti.

FCamuso

Ti consiglio il canale Youtube fcamuso, gestito da un professore di informatica di un istituto tecnico che crea dei videocorsi tematici per linguaggio. Ogni playlist parla di un linguaggio specifico. I suoi corsi non necessitano normalmente di conoscenze iniziali per essere seguiti e, per quel che ho visto, sono completi e ben fatti.

Una cosa apprezzabile è che ogni corso ha tra le informazioni iniziali anche le spiegazioni su quale editor utilizzare e su come installare l’ambiente di sviluppo.

Andrea Pollini

Poi c'è Andrea Pollini che spazia su diversi argomenti relativi alla programmazione. Lo ritengo molto preparato ma, ad essere sinceti, leggermente noioso.

Fabio Biondi

Fabio Biondi è un membro attivo di molti gruppi front-end italiani (Angular, React, Javascript). È un Google Developer Expert in Angular e Microsoft MVP con oltre 15 anni di esperienza nello sviluppo di applicazioni di livello enterprise, esperienze interattive e componenti UI in diversi linguaggi e tecnologie web.

Attualmente tiene meetup, eventi e corsi di formazione in tutta Italia.

La sua particolare specializzazione sono le applicazioni front-end e i relativi aspetti, sia visivi che architetturali. Utilizza quotidianamente librerie e framework all'avanguardia offrendo formazione, sviluppo, revisione del codice e consulenza su Angular, React, Next, Lit, Javascript ES6, Typescript, Redux, NGRX, RxJS e diverse altre tecnologie web.

È difficile programmare?

La risposta, ovviamente, dipende dalla persona. Alcune persone riescono rapidamente, mentre altre hanno bisogno di più tempo. Ma, in media, ci vogliono dai tre ai quattro mesi per imparare le basi della programmazione. Quindi diffidate di quei corsi che promettono d'imparare a programmare in una settimana.

Una volta acquisite le nozioni di base, è possibile iniziare a creare programmi più complessi. Ma, ci vuole tempo e pratica per diventare uno sviluppatore esperto. Con dedizione e duro lavoro, potresti diventare un programmatore esperto in un anno o due. Ma, potrebbe volerci anche più tempo. Dipende dalle tue abilità.

Dopo aver acquisito le basi di un linguaggio, devi iniziare a esercitarti. Trova un progetto su cui puoi lavorare e inizia a programmare. Non aver paura di chiedere aiuto. Ci sono molte persone nei gruppi di programmazione che sono disposte ad aiutare gli altri utenti.

L'ultimo passo è continuare a esercitarsi. Imparare a programmare è un processo che richiede tempo e pratica. Non arrenderti. Continua a lavorarci e alla fine diventerai un programmatore.

Trovare lavoro come programmatore informatico 

Qualunque sia il settore, la ricerca di lavoro può essere un compito scoraggiante. Forse ti starai chiedendo da dove cominciare. Il posto migliore per iniziare è quello di utilizzare i motori di ricerca del lavoro. Vediamo quali sono i migliori per i programmatori.

Portali di lavoro per informatici

Inizia a dare un'occhiata a Indeed Italy, che offre un'interfaccia pulita e facile da usare con filtri di ricerca avanzati.  Puoi anche cercare lavoro su Glassdoor, che fornisce informazioni sulla cultura aziendale e sugli stipendi. 

Io ho trovato la mia attuale posizione lavorativa su Infojobs e ancora oggi, ogni tanto, mi arriva qualche richiesta da parte di aziende IT che hanno visionato il mio profilo.

Un portale storico è sicuramente iProgrammatori dove vengono pubblicate molte offerte e richieste di lavoro per informatici. Inoltre in questo sito è presente un forum dove gli sviluppatori si scambiano idee e si aiutano tra loro.

Puoi anche visionare gli annunci di lavoro pubblicati da TTEN. Attualmente stiamo ricercando diverse posizioni relative allo sviluppo web.

Linkedin: Il portale migliore per trovare lavoro

LinkedIn è un potente strumento per trovare lavoro come programmatore. È un sito di social media per professionisti e ha una miriade di funzionalità che possono aiutarti a trovare il tuo prossimo lavoro.

Innanzitutto, apri il tuo profilo LinkedIn e assicurati che sia aggiornato. Includi il tuo lavoro attuale, le tue competenze e la tua istruzione. Dovresti anche aggiungere una foto del profilo e un titolo che descriva le tue abilità.

Successivamente, utilizza la funzione di ricerca di LinkedIn per trovare lavori che corrispondono alle tue competenze. È possibile eseguire la ricerca in base all'ubicazione, alla posizione lavorativa o all'azienda. Puoi anche utilizzare la funzione di ricerca avanzata di LinkedIn per trovare lavori che corrispondono alle tue competenze ed esperienze.

Infine, utilizza gli strumenti di LinkedIn per candidarti ai lavori. Puoi caricare il tuo curriculum, scrivere una lettera di presentazione e candidarti per i lavori direttamente da LinkedIn.

Chi sono i Recruiters

Su Linkedin, hai la possibilità di farti notare e con il tempo saranno i Recruiters a cercarti e contattarti. Rispondi sempre con educazione, anche quando non stai cercando un nuovo lavoro. È importante mantenere buoni rapporti con gli addetti alla selezione del personale, perché non si sa mai quello che può riservarci il futuro.

Superare il colloquio Tecnico

Il colloquio tecnico è un ostacolo che tutti i programmatori devono affrontare quando cercano un nuovo lavoro. Può essere difficile sapere cosa aspettarsi e come prepararsi.

Il modo migliore per superare il colloquio tecnico è essere preparati. Assicurati di conoscere le basi del linguaggio che l'azienda utilizza e di avere familiarità con algoritmi e strutture di dati comuni. Non hai bisogno di sapere tutto, ma dovresti essere in grado di rispondere alle domande di base.

Un'altra cosa importante da ricordare è essere calmi e fiduciosi. Sii positivo e sii pronto a rispondere a qualsiasi domanda ti venga posta dall'intervistatore. Se non consoci la risposta, non avere paura di dirlo. La maggior parte degli intervistatori è disposta ad aiutarti se sei disposto a impegnarti.

Tipologie di contratti offerti

I contratti possono variare in termini di durata, pagamento e requisiti di lavoro, ma in genere un programmatore junior firmerà un contratto per un determinato periodo di tempo (di solito da uno a tre anni) e riceverà uno stipendio fisso. Il contratto delineerà anche il lavoro che il programmatore è tenuto a completare durante la durata del contratto. Alcune aziende possono anche richiedere al programmatore di lavorare un certo numero di ore ogni settimana o di essere disponibile per un certo numero di ore ogni giorno.

I CCNL offerti sono due:

  • Metalmeccanico
  • Commercio

Non lasciarti abbindolare dalle 14 mensilità del CCNL Commercio. Una torta divisa in 14 fette ha le stesse calorie di un dolce diviso in 13 parti. Il contratto da metalmeccanico offre molte più garanzie, soprattutto per quanto riguarda la retribuzione in caso di malattia.

Lavorare come programmatore da casa

Sì, molte aziende consentono ai programmatori di lavorare in smart working. Ad esempio io sono un programmatore full remote. Ciò significa che possono lavorare da casa, in uno spazio di co-working o dove preferisco. Questo può essere un ottimo modo per i programmatori per aumentare la produttività, in quanto possono evitare le distrazioni dell'ufficio. Inoltre, può essere un ottimo modo per risparmiare denaro, in quanto non si ha bisogno di spostarsi in ufficio.

Lavorare come programmatore da libero professionista

Se sei un programmatore, potresti aver considerato di lavorare come libero professionista. Dopotutto, il freelance offre il potenziale per una maggiore libertà, un maggiore controllo sul tuo orario di lavoro e l'opportunità di lavorare da casa. Ma il freelance è davvero un'opzione valida per i programmatori?

La risposta è sì - ma non è sempre facile. Ecco alcuni suggerimenti per effettuare la transizione al freelance:

  1. Inizia costruendo un portfolio del tuo lavoro. Questo ti aiuterà ad attrarre nuovi clienti e a dimostrare le tue abilità.
  2. Partecipa a forum online e gruppi di networking per programmatori. Questo ti aiuterà a costruire relazioni con altri liberi professionisti e trovare nuovi clienti.
  3. Rimani aggiornato con le ultime tendenze e tecnologie di programmazione. Questo ti aiuterà a distinguerti dalla concorrenza e attirare nuovi clienti.

Conclusioni

Per essere un programmatore di successo, è necessario essere in grado di pensare in modo logico ed essere in grado di risolvere i problemi. La programmazione è un campo molto impegnativo, ma può anche essere molto gratificante. Se siete disposti a mettere nel duro lavoro, allora si può essere un programmatore di successo. 

Approfondimenti

  1. Imparare a programmare
  2. Cosa fa un programmatore?
  3. Offerte di lavoro per programmatori
  4. Diventare un programmatore di videogiochi
  5. I linguaggi di programmazione più pagati
  6. I rischi per la salute del programmatore informatico

 

Condividi